Vivi la Val PosinaVivi la Val Posina

Accetto la privacy policy

Already a member?

Vivi la Val PosinaVivi la Val Posina
Forgot password?

Don't have an account?

Il territorio e la Grande Guerra

IL TERRITORIO E LA GRANDE GUERRA

Uno dei principali eventi che ha segnato in profondità la storia della Val Posina è stato senza dubbio la prima guerra mondiale. Le vallate e i monti circostanti sono stati teatro di numerose battaglie, che hanno lasciato impronte indelebili sul territorio: forti, trincee, camminamenti, caverne, postazioni di mitragliatrici e cannoni, acquedotti, teleferiche, strade, baraccamenti, cippi, cimiteri di guerra e monumenti. Per fare un tuffo nel passato ed immergersi nuovamente in questo scenario, è sufficiente incamminarsi per uno dei numerosi sentieri che si sviluppano sul territorio. Non sarà difficile imbattersi così nei crateri lasciati dalle bombe o attraversare una trincea, percorrendo le mulattiere scavate dagli stessi soldati.

strada delle 52 gallerie pasubio val posina
strada delle 52 gallerie pasubio

Il più spettacolare ed anche il più famoso di questi percorsi è sicuramente la “Strada delle 52 Gallerie” che ha inizio a Bocchetta Campiglia – 1216 mt (facilmente raggiungibile da Posina, passando per Passo Xomo) dove è presente un ampio parcheggio e termina a Porte del Pasubio 1928 mt. La Strada Museo, così è stato definito questo meraviglioso e unico percorso, è lunga circa 6300 metri, dei quali ben 2300 distribuiti in 52 gallerie ed i restanti intagliati a mezza costa nella roccia viva.
Da decenni, l’ultima domenica di luglio è dedicata alla commemorazione dei caduti della Grande Guerra.

Condividi:
Condividi con i tuoi amici










Inviare